Manifesto del Partito Comunista

€6.00

Karl Marx – Friedrich Engels

Manifesto del Partito Comunista

Introduzione di Salvatore Tinè

Postfazione di Gaetano Seminatore

ISBN 978-88-8292-516-1 • 68 pagine


Il Manifesto del Partito Comunista è certamente il primo e il più grande documento programmatico del socialismo scientifico, una sintesi insuperata dei principi che sono stati e saranno la base stessa delle lotte del proletariato mondiale, uno strumento fondamentale per comprendere gli obbiettivi storici della classe operaia, i suoi metodi, la sua teoria.

Il linguaggio scarno ed incisivo, la lucidità della esposizione, e la sinteticità che lo caratterizzano fanno ancora oggi del Manifesto l’opera più indicata ad introdurre al marxismo.

Lenin diceva del Manifesto: «In quest’opera, vengono delineate con chiarezza e vivacità geniali la nuova concezione del mondo, il materialismo conseguente, esteso al campo della vita sociale, la dialettica, come la più completa e profonda dottrina dell’evoluzione, e la teoria della lotta di classe e della funzione storica rivoluzionaria del proletariato, creatore di una nuova società, della società comunista» (Cfr.: Lenin, Karl Marx).

«Questo libriccino vale molti volumi: il suo spirito fa vivere ed operare ancora oggi tutto il proletariato organizzato e combattente del mondo civile» (Cfr.: Lenin, Friedrich Engels.

Su questo «libriccino» si sono formati in tutto il mondo per anni e anni migliaia e migliaia di quadri rivoluzionari che per la prima volta si avvicinavano alla teoria della rivoluzione proletaria.

Lo stesso Engels riconosceva, soltanto alcuni anni dopo, che qua e là il Manifesto era invecchiato. A maggior ragione potrebbe esserlo oggi. Tuttavia, a quasi centocinquanta anni dalla sua stesura, nonostante tutto, il Manifesto mantiene inalterata la sua validità e la sua attualità perché è stato e rimane la dichiarazione di guerra ufficiale del proletariato alla borghesa e la proclamazione dei suoi obbiettivi storici di classe.

* * *

La traduzione prescelta è quella delle Edizioni in lingue estere di Mosca a cui sono state aggiunte quelle precisazioni che Engels stesso ritenne di aggiungere al testo originario nella edizione inglese del 1888.

Le note che Engels è andato inserendo nelle varie edizioni del Manifesto sono state poste a piede di pagina, mentre in appendice sono state raggruppate, per il lettore che volesse prendersi la briga di consultarle, alcune brevi annotazioni di commento o di chiarificazione relative al testo del Manifesto.

Sergio Manes, gennaio 1994