Edizioni

 

la città del sole

“Apparirà allora che il mondo possiede

da tempo il sogno di una cosa di cui

deve soltanto possedere la coscienza

per possederla realmente”.

Karl Marx

La foresta e gli alberi n. 39

 

Giovanna Savant

Bordiga, Gramsci

e la Grande Guerra

 

1914-1920

 

Presentazione di Fabio Frosini

ISBN: 978-88-8292-468-3

Pagine: 424 – Prezzo: € 26,00

 

 

 

 

La Grande Guerra è stata un evento epocale, che ha cambiato in modo irreversibile il futuro del mondo nei decenni successivi, e rappresenta ancora oggi uno snodo fondamentale della storia contemporanea. Il presente lavoro analizza l’influenza che essa ha esercitato sul pensiero politico di due importanti rivoluzionari, destinati ad assumere una posizione di rilievo nell’ambito del movimento operaio italiano nel primo dopoguerra: Amadeo Bordiga e Antonio Gramsci. Diversi per origini, carattere, formazione culturale e iscritti al Partito socialista in tempi diversi, diventano gli attori principali di quella nuova sinistra che si costituisce proprio durante il conflitto mondiale all’interno del PSI e dalla quale, nel 1921, nascerà il Partito comunista d’Italia, alla cui guida si alterneranno. Esaminando i loro scritti, nel periodo compreso tra l’agosto del 1914 e la vigilia del congresso di Livorno, l’autrice evidenzia le analogie e le differenze di pensiero esistenti tra i due militanti sia in merito ai principali dibattiti sollevati dalla Prima guerra mondiale, da quello sulla neutralità italiana alla discussione sulla Lega delle Nazioni, sia in merito ai grandi eventi legati al conflitto stesso, come la rotta di Caporetto, l’occupazione di Fiume, la Conferenza di pace di Versailles e soprattutto le tre rivoluzioni comuniste: la bolscevica, la spartachista e l’ungherese. Nel 1920, benché si verifichi un graduale avvicinamento tra i due pensatori politici, si sottolinea come rimangono differenze importanti, concernenti da un lato i tempi e i modi in cui la rivoluzione proletaria dovrà svolgersi in Italia e, dall’altro, le previsioni circa la fase che starebbe per aprirsi nel paese dopo due anni di intense lotte operaie.

 

 

Giovanna Savant è dottoressa di ricerca in Studi politici europei ed euro-americani. Ha collaborato al volume a cura di A. d’Orsi, Bibliografia gramsciana ragionata. I. 1922-1965 (Viella, Roma, 2008) e ha scritto alcuni saggi sul pensiero politico di Antonio Gramsci e sull’elitismo democratico apparsi in volumi collettanei e su riviste. Ha pubblicato per Aracne, Intransigenti e collaborazionisti. Serrati e Treves davanti alla Grande Guerra ( Roma, 2013).

 

 

Edizioni

la città del sole

Vico Giuseppe Mffei, 4 – Napoli

info@lacittadelsole.net